Viaggio Solidale

 

 

 

Ogni anno Good Samaritan organizza un viaggio in Uganda per le persone che hanno il desiderio di entrare in contatto con la realtà africana per vivere un’esperienza indimenticabile.

Il viaggio solidale nasce dalla voglia di rendere partecipi i nostri sostenitori e amici della vita e dei progetti che portiamo avanti a Gulu dal 1999.

IMG 0680

Chiara tiene in braccio un bambino del nostro asilo nido

IMG 0393

Chiara con una maestra "mamy" del nostro asilo nido

IMG 1403

Mauro gioca con i bambini dell'orfanotrofio St. Jude

MG 5251

Giovanna coccola un bambino dell'orfanotrofio St. Jude

foto22

Davide scherza con una bambina incontrata al mercato

DSC00405

Animazione con i bambini del St.Mary Lacor Hospital

IMG 3702

Flavia durante una visita alle famiglie del posto

IMG 7860

Un fantastico safari per ammirare il Nilo, le sue cascate e gli animali!

IMG 7998

Rosemary insegna alle partecipanti come fare una perlina di carta

IMG 9626

Una visita presso una famiglia vulnerabile

IMG 20190820 114253 1

Scambio culturale con i bambini sostenuti a distanza

MG 4763 copia

Una foto di gruppo con alcune classi di una scuola

MG 5550

Italia VS Uganda: chi vincerà la partita?

MG 5750

Giochi e animazione con bambini

MG 6302

Preparando il pranzo per i bambini dell'asilo nido

4 ANIMAZIONE LACORIMG 20160731 144912

Strani individui mascherati si aggirano per le corsie dell'ospedale

7 ST.JUDE IMG 1495

Valentina sfoggia tutte le sue capacità artistiche

90

Momento di Team Building

La conoscenza:

incontri, testimonianze, visite, confronti sulla storia dell’Uganda, delle persone coinvolte nei progetti, dei cooperanti. Senza conoscere qualcosa non posso giudicare: la conoscenza è il primo step per affrontare in modo più efficace l’esperienza che, altrimenti, sarebbe confusionaria e senza scopo.

Osservazione partecipante:

calarsi nella quotidianità non significa adottare per sempre uno stile di vita, ma sperimentare. Le culture degli altri, benché diverse, non sono meno valide e meno significative della cultura europea.
Ci presentiamo quindi come osservatori che, in punta di piedi, entrano nella cultura ugandese e cercano di cogliere gli aspetti che la caratterizzano.

L’avventura:

ciò che è altro è solitamente nuovo, da scoprire. Bisogna lasciarsi calare nella quotidianità con spirito di osservazione e partecipando alle proposte delle persone locali e dell’associazione.
Ci vuole una dose di coraggio per avventurarsi nel cuore dell’Africa, ma, ancora di più, per intraprendere un viaggio dentro se stessi.

Un viaggio rivoluzionario!

Partiamo dicendo quello che questo viaggio NON è: non è un’esperienza di volontariato, come siamo soliti intendere.

Lo scopo del viaggio è quello di entrare in contatto con la cultura, le tradizioni e le persone di Gulu, conoscendo le attività sostenute dall’associazione e condividendo la vita quotidiana con i compagni di viaggio, i collaboratori in loco e i beneficiari dei progetti. 

Il nostro obiettivo è quello di dare vita a un viaggio d’incontro con una cultura diversa: questo modo di viaggiare mette al centro noi e i beneficiari dei progetti, che diventano guide e fonte di ispirazione.

 

Le attività sono pensate per interagire con le persone del posto, per conoscerne la cultura, le tradizioni e per sperimentare uno stile di vita differente.

È un’esperienza che ti metterà alla prova con tante sfide, collettive e individuali, che ti farà crescere, maturare e che ti aprirà a una nuova visione dell’incontro con l’altro.

Non ci sono limiti di età: basta aver compiuto 18 anni ed essere in possesso di un passaporto valido.

Luoghi e attivita’ principali

Saranno diverse le attività che ti metteranno in contatto con la realtà locale: saranno fatte in totale sicurezza e con gli accorgimenti per la prevenzione del contagio da Covid-19. Visite nella scuole, incontri con ragazzi e ragazze sostenuti a distanza e che hanno ricevuto i kit lavoro, visita ai progetti di microcredito, ascolto di testimonianze di donne, attività di servizio, team building, safari al Murchison Falls National park e molto altro!

Prenotazione del viaggio

Sono chiuse le iscrizioni per il viaggio 2024, mentre sono aperte le iscrizioni per il viaggio solidale previsto per agosto 2025. Il viaggio dura due settimane e ne viene organizzato solo uno l’anno. Il costo si aggira intorno ai 2000 euro (preventivo soggetto a variazioni), compreso di volo, costi di agenzia, assicurazione, visto, alloggio, vitto, safari di due giorni, trasporto, quota guida, attività. Scrivici per avere maggiori informazioni. 

Viene solitamente organizzato un incontro di formazione, in provincia di Varese, per conoscersi e prepararsi all’esperienza.

La struttura nella quale sarai ospitato è all’interno della sede dei Comboni Samaritans of Gulu: la residenza si chiama Palm Garden Restaurant & Guest House (visitala su Tripadvisor) ed è composta da camere singole e matrimoniali, un ristorante che cucinerà colazione, pranzo e cena e un bar dove poter acquistare drinks e gelati artigianali.

Informazioni utili

Lo spostamento aereo è organizzato dall’associazione, le date sono vincolate alla partenza in gruppo. Il preventivo comprende: assicurazione sanitaria (opzionale), visto turistico, vitto, alloggio, safari, spostamenti in loco, attività. Sono esclusi: vaccinazione, rinnovo passaporto, spese personali in loco (drinks, souvenir).
Nella quota è previsto un contributo per la guida che dovrà essere versato all’associazione una volta definito il gruppo e confermata la partenza. Le selezioni per il campo avvengono in questo modo: viene data priorità alle persone che ci contattano per prime (o che confermano per prime), con le quali dovremo fare un colloquio conoscitivo. Confermata la partenza, si potrà procedere con il vaccino per la febbre gialla (l’unico obbligatorio).
E’ consigliata la terapia antimalarica durante il viaggio.

Scrivici per avere ulteriori informazioni!

Per avere più informazioni

Testimonianze

Sono partita per diversi motivi: sicuramente l’aspetto paesaggistico faceva parte dell’attrattiva, ma ho scelto questo tipo di viaggio, un “campo solidale”, soprattutto perché avevo voglia di rimettere ordine tra le mie priorità. Ho trovato questo e molto altro!

Giorgia Ceccanti

ha partecipato al viaggio solidale febbraio 2019

I bambini coi quali ho inondato gli occhi per più di due settimane, hanno nel cuore un pianto, un pianto acuto e sottile che li accompagna, che fa loro compagnia e che di punto in bianco, nell’incontro di uno sguardo si tramuta in riso folgorante, e già dai primi giorni ne ho avvertito le virtù curative.

Ivano Cogo

ha partecipato al viaggio solidale 2018

Chi lo dice che l’Africa è povera? L’Africa è ricca, ha così tanto da insegnare, da trasmettere, da regalare e da offrire. L’Africa è la forza delle persone che, nonostante siano andate incontro a guerre e povertà, trovano ogni giorno la forza di sorridere, di sperare, di rialzarsi, di ringraziare Dio per quello che hanno.

Chiara Speranza Casu

ha partecipato al viaggio solidale 2017

Un viaggio tanto atteso, un sogno nel cassetto, un’esperienza che, forse, non ho ancora smesso di vivere. Un viaggio che quando finisce non vuole lasciarti tornare a casa, perché a Gulu ti senti completa e sai comunque che sarà un arrivederci. Gli acholi sono una popolazione accogliente, dolce, attenta, che mi ha fatto sentire subito a casa.

Annalisa Garafano

ha partecipato al viaggio solidale 2018

I nostri partner

thumbnail image3
image2 1
thumbnail image1
thumbnail image0